Home » Ambiente, CoveringClimateNow, Dal Mondo

Corona Connection: la perdita di foreste provoca virus e cambiamenti climatici

15 marzo 2020 No Comment

Dinamam Tuxá, Coordinator of the Articulation of the IndigenousA New York si sono appena incontrati – in un meeting internazionale -  i rappresentanti di popolazioni indigene provenienti dalle foreste mondiali che vengono distrutte per fare posto a coltivazioni economicamente più proficue. La stessa distruzione delle foreste che accelera i cambiamenti climatici può anche incoraggiare l’insorgere di malattie come il coronavirus, affermano oggi i leader delle popolazioni indigene intervenuti a New York, mentre criticano Cargill e altre società multinazionali per aver sostituito le foreste con piantagioni di soia, palma e bovini. “Il coronavirus sta ora dicendo al mondo ciò che diciamo da migliaia di anni: che se non aiutiamo a proteggere la biodiversità e la natura, affronteremo questa e persino peggiori minacce future”, ha affermato Levi Sucre Romero, un indigeno BriBri della Costa Rica , coordinatore dell’Alleanza mesoamericana di popoli e foreste.

La ricerca ha scoperto che la perdita di habitat ha indotto gli animali selvatici a un più stretto contatto con l’uomo e gli animali domestici, consentendo a malattie come il coronavirus di saltare la barriera animale-uomo e a diffondersi poi attraverso il contatto uomo-uomo.

“È probabile che un animale [sia responsabile di un virus che] abbia infettato decine di migliaia di persone in tutto il mondo con il coronavirus e messo a dura prova l’economia globale”, ha affermato Mina Setra, indigena Dayak Pompakng indonesiana che è il vice segretario generale dell’Alleanza dell’Arcipelago delle popolazioni indigene (AMAN), che rappresenta 17 milioni di popolazioni indigene in tutta l’Indonesia. “Se solo il mondo avesse lavorato per rafforzare i diritti delle popolazioni indigene – che hanno imparato a vivere nella natura con la biodiversità e a proteggere le specie animali e vegetali, vedremmo meno epidemie come quella che stiamo affrontando “.

Il Brasile, in particolare, ha subito un crescente assalto ai diritti dei popoli indigeni, ad alcuni dei più alti livelli di governo, secondo Dinamam Tuxá, coordinatore e consulente legale dell’Associazione dei popoli indigeni del Brasile dove “Il nostro popolo è stato criminalizzato e assassinato “.

Ha detto Tuxá: “Ciò che chiediamo alle multinazionali è che non comprino prodotti che causano deforestazione e conflitti… Chiediamo anche che ci siano accordi commerciali bilaterali …e rispetto dei diritti degli indigeni “.

La recente scienza peer-reviewed ha concluso che proteggere la terra e i diritti umani delle popolazioni indigene che occupano gran parte delle aree boschive della terra è il modo migliore per mantenere le foreste in piedi, che a sua volta riduce il riscaldamento globale e la perdita di biodiversità.”Le comunità che vivono nelle aree boschive e nelle aree circostanti possono svolgere un ruolo vitale per il successo della conservazione e del ripristino delle stesse, ma sono troppo spesso escluse dal processo decisionale in merito alla politica forestale, in parte a causa del possesso poco chiaro e contestato dei terreni “, hanno scritto alcuni dei massimi esperti forestali del mondo in un blog recente.”L’assenza di diritti legali sicuri rende vulnerabili le comunità e le loro foreste”. “Per noi, il cambiamento climatico non è astratto”, ha detto Sucre Romero. “Proprio nella mia piccola comunità … stiamo lottando per produrre determinati alimenti a causa del cambiamento climatico. Tutta la costa caraibica dell’America centrale sta affrontando l’innalzamento del livello del mare e questo sta avendo un impatto sull’economia. ” Nel 2019, il gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici ha definito la protezione della terra e dei diritti umani per le popolazioni indigene “vitale” per affrontare la crisi climatica. Le terre indigene subiscono un tasso di perdita della copertura arbustiva inferiore alla metà rispetto alle altre terre, secondo il programma di monitoraggio Global Forest Watch del World Resources Institute; dove vengono riconosciuti i diritti degli indigeni, la differenza è ancora maggiore. I territori indigeni sono sempre più sotto assedio. Un recente studio sulla situazione in Amazzonia ha concluso che “La tendenza all’indebolimento delle protezioni ambientali, dei diritti delle terre indigene e dello stato di diritto … rappresenta una minaccia esistenziale per i Popoli indigeni, le comunità locali  e i loro territori. L’inversione di questa tendenza è fondamentale per il futuro delle foreste amazzoniche a rischio climatico e per il successo dell’accordo di Parigi. ” La protezione dei diritti e delle foreste degli indigeni può anche aiutare il mondo a trovare medicine per curare il coronavirus e le potenziali pandemie future, hanno affermato i leader indigeni. Ma troppo spesso, le aziende globali entrano nelle terre indigene e prendono i loro prodotti e le loro conoscenze tradizionali senza compenso. ”Sappiamo che il 25 % delle medicine che il  mondo utilizza proviene dalle foreste e che perdendo le foreste mettiamo in pericolo soluzioni future”, ha affermato Sucre Romero.

“La cura per la prossima pandemia potrebbe essere nelle nostre terre, e l’importante è che le nostre conoscenze tradizionali siano adeguatamente riconosciute”, ha affermato Tuxá. Invece, ha aggiunto, “queste grandi aziende farmaceutiche entrano nelle nostre comunità, estraggono le nostre conoscenze e le nostre piante tradizionali senza riconoscere i nostri diritti … e li portano nelle città e dicono che sono le loro scoperte”.

Comments are closed.