Home » CoveringClimateNow, Dal Mondo, News

Gli psichedelici possono trattare il “dolore” climatico? di Mark Hertsgaard

23 aprile 2020 No Comment

climatenowQuesta storia è pubblicata come parte di Covering Climate Now, una collaborazione giornalistica globale che rafforza la copertura relativa alla  situazione mondiale del clima.

 Per  The Nation, Mark Hertsgaard, direttore esecutivo di CCNow, chiede a Michael Pollan, autore del best seller “ How to Change Your Mind”, il potenziale degli psichedelici nel trattamento del “dolore” climatico. Michael Pollan parla su come le droghe che confortano i malati terminali possano anche aiutare le persone drammaticamente preoccupate per il futuro del clima.

Il terrore che molte persone provano in questi giorni per il coronavirus non è una novità per chi conosce il dolore climatico. Terribili come il virus, le ondate di calore, la siccità, gli incendi e le inondazioni avvenute su un pianeta surriscaldato, hanno ucciso molte più persone. E se le tendenze attuali persistono, il bilancio delle vittime aumenterà esponenzialmente fino alla fine del secolo. Di fronte a così tante perdite, il dolore è comprensibile. Nel suo best seller How to Change Your Mind, il giornalista Michael Pollan riferisce che l’80% dei pazienti con malattie terminali negli studi clinici presso le università Johns Hopkins e New York provava meno ansia e depressione dopo aver assunto droghe psichedeliche. Mark Hertsgaard, corrispondente ambientale di The Nation e autore di HOT: Living Through the Next Fifty Years on Earth, ha intervistato Pollan sul fatto che quegli stessi farmaci potrebbero anche aiutare le persone che lottano non tanto per la propria morte, quanto per quella dei propri cari, delle generazioni future e civiltà come la conosciamo.

MARK HERTSGAARD: Cerchiamo di essere chiari: in quegli studi clinici, i pazienti malati terminali hanno assunto farmaci psichedelici sotto stretto controllo medico, giusto? Ma i risultati sembrano notevoli.

MICHAEL POLLAN: Sì. Molti di loro hanno compiuto viaggi straordinari che hanno reimpostato il loro pensiero sulla morte in molti modi, eliminando completamente la paura. E nella maggior parte dei casi le loro depressioni si sono alleviate.

MH: Queste esperienze e altre tue ricerche suggeriscono che i farmaci psichedelici possono essere un antidoto al lutto climatico?

MP: La prima persona con cui ho parlato di questo è stato Rachael Petersen, un ambientalista. Ha lavorato presso il World Resources Institute sviluppando un software che consente di guardare agli incendi in tutto il mondo in tempo reale per vedere se gli accordi per proteggere le terre, in particolare in Amazzonia, fossero rispettati o meno. Questo è stato un lavoro incredibilmente deprimente. Ha visto la terra bruciare in tempo reale e di conseguenza è entrata in una grave depressione. Ha ricevuto una terapia psichedelica e, sebbene non fosse una panacea, sentiva che l’aiutava, le permetteva di ripristinare e continuare a fare questo difficile lavoro.

MH: Com’è avvenuto il ripristino?

MP: Non posso parlare per lei, ma una delle cose che gli psichedelici possono fare è [aiutare] le persone a trovare più speranza nelle loro condizioni. Dopo queste esperienze, tendono a sentirsi meno isolati e più connessi, più connessi alle altre persone, alla comunità e alla natura. Le fece capire che c’erano persone come lei che lavoravano su questo tema da molto tempo. Ci hanno visto tornare indietro sotto l’amministrazione Trump e sono incredibilmente scoraggiati fino al punto della disperazione.

Definirlo un antidoto è forse un po’ forte, ma avere un’esperienza come questa può aiutarli a gestire la loro depressione.
MH: Se “antidoto” è troppo forte, “trattamento” sarebbe una parola migliore?

MP: Sì, penso che sia un potenziale trattamento. Risolve la crisi ambientale? No. Ma mantenere queste persone mentalmente in salute è molto importante per tutti noi. Ciò potrebbe spostare il loro modo di pensare in modi che consentano loro di continuare a fare un duro lavoro a cui altrimenti potrebbero rinunciare per la disperazione. Penso che la sfida sia quella di organizzare uno studio, prendere un gruppo di persone che lottano contro il “dolore” climatico e vedere se questo potrebbe davvero aiutarli a sostenere il loro impegno.

MH: Ma il dolore climatico è diverso in modi importanti da un individuo che affronta una diagnosi terminale. Il lutto per il clima non riguarda necessariamente la tua stessa morte, ma piuttosto la morte del mondo che ti circonda: una specie di morte collettiva e civile.

MP: Sì, ed ecco dove i parallelismi si rompono un po ‘perché parte di ciò che la terapia psichedelica sembra fare per gli individui è riconciliarli con la morte. E quel tipo di accettazione è l’ultima cosa che vuoi in un attivista del clima!

MH: Gli psichedelici sono rilevanti per il “dolore” climatico in qualche altro modo?

MP: Sì, e questo non vale tanto per gli attivisti quanto per tutti noi. I ricercatori dell’Imperial College di Londra hanno scoperto che una singola esperienza di psichedelici, in particolare la psilocibina, cambia le misure di quella che viene chiamata “connessione della natura”- la misura in cui ti senti parte della natura. Nelle persone che hanno avuto un solo viaggio con la psilocibina, decine di “connessioni naturali” sono aumentate in modo coerente e abbastanza drammatico. Questo sembra vero per me e per molte delle persone che ho intervistato. Hai meno probabilità di oggettivare la natura dopo un’esperienza psichedelica. Un’esperienza psichedelica ad alte dosi spesso riduce l’ego. L’ego in genere percepisce il mondo come se ci fosse un singolo soggetto – tu – mentre tutto il resto è un oggetto. Questo tipo di egotismo, penso, è al centro della nostra crisi ambientale: la nostra capacità di oggettivare la natura e di vederci fuori dalla sua posizione. Una volta oggettivato qualcosa, diventa una cosa che puoi usare per i tuoi scopi, che puoi sfruttare. Quindi, nella misura in cui l’esperienza psichedelica sembra abbattere queste mura dell’ego e aprire questo potente senso di connessione, essa ha – almeno teoricamente – il potenziale per spostare la coscienza sull’ambiente. E Dio sa se ne abbiamo bisogno.

MH: Sei un genitore. Sono un genitore; mia figlia ha appena compiuto 15 anni. Gran parte del mio dolore per il clima riguarda il futuro che erediterà. E non solo lei ma gli innumerevoli altri bambini nel mondo della sua generazione. Gli psichedelici possono essere d’aiuto ai genitori che affrontano il dolore climatico?

MP: Penso che potenzialmente potrebbe, nella misura in cui molti anni di lavoro hanno scavato un certo solco nella tua mente. C’è una bella metafora che mi ha offerto uno dei neuro-scienziati che lavorano alla ricerca psichedelica a Londra. Pensa alla tua mente come a una collina coperta di neve e i tuoi pensieri sono slitte che scendono da quella collina. Più corse su quelle slitte nel tempo, più profonde diventano le scanalature. Dopo un po’, non c’è altro modo per scendere dalla collina se non in quei solchi. Pensa agli psichedelici come a una fresca nevicata che riempie tutti i solchi, permettendoti di percorrere un nuovo sentiero giù per la collina.

MH: Parlo dei cambiamenti climatici come giornalista da 30 anni, e quando le persone chiedono, dico sempre che l’unica soluzione per il disagio climatico per me è agire – fare qualcosa per farmi sentire che sto avendo un effetto su questo . Agire è chiaramente una soluzione climatica. Le droghe psichedeliche, in un modo diverso, sono anche una soluzione climatica?

MP: No, non andrei così lontano. Penso che potrebbero essere uno strumento per il clima, nel senso che possono contribuire  a combattere la battaglia, mantenere il morale. Penso che l’azione che intraprendiamo intorno alle nostre scelte alimentari – rinunciare alla carne, ad esempio – è più certa di avere un effetto positivo rispetto all’assunzione di sostanze psichedeliche … Ma ciò che è eccitante e nuovo è che stiamo arrivando a riconoscere il valore terapeutico degli psichedelici. Ci troviamo di fronte a crisi esistenziali nell’ordine in cui qualcuno deve affrontare una diagnosi terminale. E il fatto che gli psichedelici possano aiutare quelle persone è una ragione sufficiente per esplorare la loro rilevanza nelle persone che affrontano quel senso più collettivo di terrore esistenziale.

Mark Hertsgaard è il direttore esecutivo di Covering Climate Now, un’iniziativa di giornalismo globale impegnata per una maggiore e migliore copertura della storia del clima. È anche il corrispondente ambientale di The Nation e autore di libri tra cui HOT: Living Through the Next Fifty Years on Earth.

Questo articolo è stato pubblicato originariamente The Nation  da parte di Mark Hertsgaard. E’ qui ripubblicato come testimonianza della partecipazione di Aletheia.it al progetto Covering Climate Now, una collaborazione internazionale di testate per rafforzare la sensibilizzazione verso il problema del riscaldamento globale.

Can Psychedelics Treat Climate Grief?   By Mark Hertsgaard

 This story is published as part of Covering Climate Now, a global journalism collaboration strengthening coverage of the climate story.

In The Nation, CCNow’s Executive Director, Mark Hertsgaard, asks Michael Pollan, author of the bestselling How to Change Your Mind, about the potential of psychedelics to treat climate grief. Michael Pollan talks about whether drugs that comfort the terminally ill can also help people mourning the climate future.

The dread that many people are feeling these days about the coronavirus is nothing new to those acquainted with climate grief. As terrible as the virus is, the heat waves, droughts, fires, and floods driven by an overheated planet have killed many more people. And if current trends persist, the death toll will increase exponentially through the end of the century. In the face of so much loss, grief is understandable.

In his best-selling book How to Change Your Mind, journalist Michael Pollan reports that 80 percent of terminally ill patients in clinical trials at Johns Hopkins and New York universities felt less anxiety and depression after taking psychedelic drugs. Mark Hertsgaard, environment correspondent for The Nation and author of HOT: Living Through the Next Fifty Years on Earth, interviewed Pollan about whether those same drugs might also benefit people struggling not with their own death as much as the death of loved ones, future generations, and civilization as we know it. The interview has been edited for length and clarity.

 

Mark Hertsgaard: Let’s be clear—in those clinical trials, terminally ill patients took psychedelic drugs under close medical supervision, right? But the results sound remarkable.

Michael Pollan: Yes. Most of them had remarkable journeys that reset their thinking about death in many ways, removing their fear completely. And in most cases their depressions lifted.

MH: Do those experiences and your other research suggest that psychedelic drugs can be an antidote to climate grief?

MP: The first person I talked to about this was Rachael Petersen, an environmentalist. She worked at the World Resources Institute developing software that allows you to watch fires around the world in real-time to see whether deals to protect lands, specifically in the Amazon, were being honored or not. This was incredibly depressing work. She watched the earth burn in real time and as a result entered into a serious depression. She received psychedelic therapy, and while it was not a panacea, she felt it helped her, allowed her to reset and continue to do this difficult work.

MH: How did that reset happen?

MP: I can’t speak for her, but one of the things psychedelics can do is [help] people find more hope in their circumstances. After these experiences, they tend to feel less isolated and more connected—more connected to other people, to the community, and to nature. It made her realize that there were a cohort of people like herself who’d been working on this issue a long time. They’ve seen us go backwards under the Trump administration, and they’re incredibly discouraged to the point of despair. To call it an antidote is perhaps a bit strong, but having an experience like this may help them deal with their depression.

MH: If “antidote” is too strong, would “treatment” be a better word?

MP: Yeah, I think it is a potential treatment. Does it fix the environmental crisis? No. But keeping these people mentally healthy is very important to all of us. This could shift their thinking in ways that allow them to go on doing really hard work that they might otherwise give up on in despair. I think the challenge is to organize a study, take a group of people who struggle with climate grief, and see if this could indeed help them sustain their commitment.

MH: But climate grief is different in important ways from an individual facing a terminal diagnosis. Climate grief is not necessarily about your own death but more about the death of the world around you—a kind of collective, civilizational death.

MP: Yeah, and here’s what the parallels break down a little bit because part of what psychedelic therapy seems to do for individuals is reconcile them to death. And that sort of acceptance is the last thing you want in a climate activist!

MH: Are psychedelics relevant to climate grief in any other ways?

MP: Yes, and this applies not so much to activists as to all of us. Researchers at Imperial College London found that a single experience on psychedelics, specifically psilocybin, changes measures of what is called “nature connectedness”—the extent to which you feel you are a part of nature. In people who had a single psilocybin journey scores of “nature connectedness” went up consistently and fairly dramatically. This rings true to me and to many of the people I’ve interviewed. You are less likely to objectify nature after a psychedelic experience. A high-dose psychedelic experience often shrinks the ego. The ego typically perceives the world as if there’s a single subject—you—while everything else is an object. This sort of egotism, I think, is at the heart of our environmental crisis—our ability to objectify nature and see ourselves as standing outside of it. Once you objectify something, it becomes a thing you can use for your own purposes, that you can exploit. So, to the extent the psychedelic experience seems to bring down these walls of ego and open up this powerful sense of connection, it has—at least theoretically—the potential to shift consciousness around the environment. And God knows we need that.

MH: You’re a parent. I’m a parent; my daughter just turned 15. A big part of my climate grief relates to the future she’s going to inherit. And not just her but the countless other kids around the world in her generation. Can psychedelics be helpful to parents dealing with climate grief?

MP: I think potentially [it can], to the extent that many years of doing this work has dug a certain groove in your mind. There’s a beautiful metaphor one of the neuroscientists working on psychedelic research in London offered me. Think of your mind as a hill covered in snow, and your thoughts are sleds going down that hill. The more rides on those sleds over time, the deeper become the grooves. After a while, there’s no other way to go down the hill but in those grooves. Think of psychedelics as a fresh snowfall that fills all the grooves, allowing you to take a new path down the hill.

MH: I’ve covered climate change as a journalist for 30 years, and when people ask, I always say that the only solution to climate grief for me is taking action—doing something to make me feel I’m having an effect on this. Taking action is clearly a climate solution. Are psychedelic drugs, in a different way, also a climate solution?

MP: No, I wouldn’t go that far. I think they could be a climate tool, to help us fight the battle, keep up our morale. I think the action we take around our food choices—giving up meat, for example—is more certain to have a positive effect than taking psychedelics…. But what’s exciting and new is that we’re coming to recognize psychedelics’ therapeutic value. We face existential crises on the order of someone facing a terminal diagnosis. And the fact that psychedelics can help those people is reason enough to explore their relevance for people facing that more collective sense of existential dread.

Mark Hertsgaard is the executive director of Covering Climate Now, a global journalism initiative committed to more and better coverage of the climate story. He is also the environment correspondent for The Nation and author of books including HOT: Living Through the Next Fifty Years on Earth.

 

Comments are closed.